Il suono influenza la materia? – 2

….

Jenny notò che a frequenze basse il lycopodium generava figure geometriche semplici, per lo più cerchi concentrici; aumentando la frequenza si ottenevano pentagoni, esagoni, tetraedri e perfino frattali, e sembra che ciò possa essere in relazione con la storia evolutiva della creazione di crop circles – dando per scontato che questo discorso non regge se crediamo che l’origine dei cerchi sul grano sia di tipo man-made.

crop-cyn2.jpg

 

crop-cyn3.jpg

 

Il fenomeno noto come risonanza Schumann prevede che una determinata frequenza di risonanza del nostro pianeta si generi nella cavità compresa tra superficie terrestre e ionosfera, con una frequenza che dai 5 Hz di qualche decennio fa è cresciuta fino agli attuali 10-11 Hz. Ora a me non interessa parlare degli effetti di tale fenomeno (chi volesse puo trovare qualcosa di interessante cercando presso il sito principale della NASA, o del Massachusetts Institute of Technology, o del The University of Iowa o presso i siti di una miriade di università giapponesi, senza contare la quantità di testi scientifici sull’argomento), tantomeno della reale origine dei cerchi sul grano , ma ho letto di una particolare attenzione prestata da chi di competenza alla relazione tra la semplice struttura dei primi crop circles degli anni ’70 e quella più articolata dei giorni nostri con questa variazione della frequenza della risonanza Schumann.

Dall’archivio del sito del più grande esperto di crop circles Colin Andrews, risulterebbero testimonianze di persone che hanno udito un suono pulsante (inseguito registrato ed identificato a 5200 Hz) poco prima della formazione di pittogrammi.

Margaret Watts-Hughes, un secolo dopo Chladni, inventò l’Eidofono, strumento col quale riuscì a far visualizzare su gelatina le vibrazioni prodotte dalla voce:

 

In sostanza:

  • con l’aumentare della frequenza aumenta anche la complessità delle figure geometriche (esperimenti di Chladni, Watts-Hughes e Jenny)
  • negli ultimi decenni la frequenza della risonanza Schumann è in continuo aumento
  • da quando sono comparsi i primi cerchi sul grano ad oggi, è aumentata la loro complessità geometrica

Personalmente non so se vi possa essere una correlazione tra queste situazioni, rimane il fatto che quella banda di frequenze che il nostro sistema percettivo codifica come suono influenza la materia in modo geometricamente organizzato.

caffè a 20 Hz

 

 

 

 

 

 

 

Quindi si può dire che qualsiasi materiale sottoposto a vibrazione prende la forma relativa alla frequenza che lo ha investito – ciò è maggiormente riscontrabile in sostanze liquide, gelatinose o granulari – da cui:

la forma è il risultato della forma d’onda che la genera

Il fascino di tali dichiarazioni non risiede tanto nel loro significato, quanto nelle tipologie di forme geometriche risultanti.

2 thoughts on “Il suono influenza la materia? – 2”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s