NanoStudio

NanoStudio is a nice synth software, free for OSX and WINDOWS; there is a paid version for iOS.
I suggest to look at this video showing some features about the iOS version:

.
[sz-video url=”http://youtu.be/Stcf_8H_qVM” /]

It’s true, on touch-screen NanoStudio offers more flexibility, but I tried it on Lion – it runs very well – and after a little bit practice I could obtain good results.
On YouTube you can find more videos about it, in italian language too, meanwhile this is a playlist:

[sz-video url=”http://www.youtube.com/watch?v=xuSBUstDJAY&feature=share&list=PL42972B584D85598F” /]

Here for the downloading page: www.blipinteractive.co.uk
.

.

Advertisements

Guitar Rig 5 Player Free

Native Instruments Guitar Rig is a modular effects processor for guitar and bass (and for vocalists, in my opinion). The Player version is free. Its modular and expandable features are very nice, you can choose among about 30 free presets – you can buy more for adding effects, but the default ones are more than enough – each of them editable by:

  • adding one or more components (filters, delays, compressors, …)
  • deleting one or more components
  • changing their sequence

I tried it on mac using guitar and my voice, it plays really good. On this site you can find clear explanations and the downloading page. Pay attention, the whole procedure is a little bit intricate, follow steps exactly.

I suggest this software for geeks.

.

Resonance in Singing – Voce Vista

Donald Gray Miller audio-vocal theories are very interesting, I have got and use the same about resonances and vocal analysis.
He has elaborated a good book with a lot of clear explanations about singing resonances, Resonance in Singing, and an audio software for formant analysis and electroglottograph analysis in real time, Voce Vista. These remember me my method Tertium Auris, (The Third Ear).

Continue reading “Resonance in Singing – Voce Vista”

XRECODE

From Wikipedia:

It is important to distinguish between a file format and a codec. A codec performs the encoding and decoding of the raw audio data while the data itself is stored in a file with a specific audio file format. Though most audio file formats support only one audio codec, a file format may support multiple codecs, as AVI does.

XRECODE is a great multilanguage free software for audio encoding. Look at this clear picture to understand:

Continue reading “XRECODE”

Livid Looper

Thanks to Seralf I have tried Livid Looper, an open source software (Mac and Win) for real time looping, designed in Max/MSP 5 visual programming environment. It allows to create and to manage at most 6 loops, using audio file or recording in real time, MIDI controller and OSC devices. It means that people can play with multiple computers on separate interfaces controlling a single server computer, so it is possible to create a computer music band.

Continue reading “Livid Looper”

Audio Touch

Ho già parlato di ReacTable come una sorta di Max/MSP in 3D, e vi ripropongo un video:

In a previous post I told you about ReacTable like a kind of 3D Max/MSP; I offer again a video:

Ora vi propongo Audio Touch, un’interfaccia musicale interattiva multi-touch di Seth Sandler, e vi suggerisco di visitare il suo sito:

Now I report to you Audio Touch, an interactive multi-touch musical table by Seth Sandler, I suggest to visit his page:

Qui trovate questo prototipo costruito a mano, e seguendo le istruzioni del video e scaricandovi il software MTmini potreste provare a costruirne uno

Here you find this hand-made prototype, you can try to build it following the video suggestions and downloading the MTmini software (look at MTmini page):

Formant Synthesis Demo

Very very nice this no-install application.
It shows the relation between formants and vowels, with the possibility to change pitch, source wave, shape, bandwidht.
For win, linux and mac.

From the site:

What is this?
This application demonstrates formant-based synthesis of vowels in real time, in the spirit of Gunnar Fant’s Orator Verbis Electris (OVE-1) synthesizer of 1953.

How to use
Set source and filter parameters at the top. Click and drag in the “vowel space” to hear the vowels.
Right-click to select target language for vowel symbols.
LPC power spectrum of source (red) and output signal (green) are to the right, waveforms are displayed at the bottom.
The source type “sampled” will use a sound file containing a single period of a waveform as voice source.

http://www.speech.kth.se/wavesurfer/formant/

Overtone Analyzer 1.0

E’ stata rilasciata la versione stabile di Overtone Analyzer – ex beta version – per Windows, nelle verioni Lite, Standard e Premium.

Specifico subito, il software non è free, non è open source, si possono scaricare i trial per provarlo per 30 giorni, dopo i quali, per utilizzarlo, va acquistato.

Devo dire di sentirmi un pò orgoglioso nel rilasciare questo annuncio per vari motivi:

probabilmente sono il primo in Italia a darne l’annuncio, dato che sono stato avvisato ieri dal suo ideatore Bodo Maass – l’annuncio ufficiale forse verrà dato al prossimo Voice Symposium di Salisburgo o comunque nei prossimi giorni – e poi mi sento in parte coinvolto in quanto ultimamente sono stato interpellato spesso da Bodo per il testing finale e come consulente vocale per vedere come implementare alcune features future che ho in mente.

Sia chiaro, Overtone Analyzer è stato ideato e compilato da Bodo Maass in non pochi anni di lavoro, con la consulenza di Wolfgang Saus per quanto riguarda l’overtone singing, e in futuro anche con la mia per quanto riguarda un utilizzo più ampio del software, dedicato magari anche al cantante d’opera (extra formante di canto) o allo studioso di fonetica.

Sul sito sygyt.com trovate tutte le caratteristiche tecniche delle tre versioni trial Lite, Standard e Premium.

Prossimamente dovrei realizzare dei video tutorial.

Overtone Analyzer 1.0 was released, the last version.

Bodo Maass, the boss, told me the news yesterday. I’m very happy for this because next time we’ll work togheter about some new features for this incredible software. Now it is very useful for overtone-singers, thanks to Wolfgang Saus too, as a spectrum analyzer, for acoustic of sounds and visual feedback for singers, a very useful feature, so we think to study new possibilities for opera singers, for example. But not only.

At this site you can find all about Overtone Analyzer.

I must create some video tutorial.

Free or Open Source audio-software

Visiting many sites and blogs, I have discovered many software.
Here a little link list – click pictures to enlarge:

Audacity – It is free, open source software for recording and editing sounds with the possibility to load VST effects. For win, mac and linux.

Baudline – It is a time-frequency browser designed for scientific visualization of the spectral domain. Signal analysis is performed by Fourier, correlation, and raster transforms that create colorful spectrograms with vibrant detail. Conduct test and measurement experiments with the built in function generator, or play back audio files with a multitude of effects and filters. The baudline signal analyzer combines fast digital signal processing, versatile high speed displays, and continuous capture tools for hunting down and studying elusive signal characteristics.
Excellent, for linux.

Madde – An additive, real-time, singing synthesiser by the great Svante Granqvist. We can create artificial vocal sounds and vowels manipulating overtones and formants. It’s fantastic.
If you want look at my Madde video in my left sidebar.

Overtone Analyzer – thanks Maass and Saus, we all know it! It is in beta version now, but in the future we’ll must pay for it.

Praat – It is a program for speech analysis and synthesis written by Paul Boersma and David Weenink at the Department of Phonetics of the University of Amsterdam.
It is a research, publication, and productivity tool for phoneticians, for linux, mac, win.

Pure Data – Like Max/MSP, Pd is a “patcher” programming language, but Open Source. It is a real-time graphical programming environment for audio, video, and graphical processing. It is the third major branch of the family of patcher programming languages known as Max (Max/FTS, ISPW Max, Max/MSP, jMax, etc.) originally developed by Miller Puckette and company at IRCAM.
Pd was created to explore ideas of how to further refine the Max paradigm with the core ideas of allowing data to be treated in a more open-ended way and opening it up to applications outside of audio and MIDI, such as graphics and video.
For linux, mac and win.

Raven Lite – It is a free software program that lets users record, save, and visualize sounds as spectrograms and waveforms. Raven Lite is intended for students, educators, and hobbyists, and can be used for learning about sounds, as an aid in birdsong recognition, and in musical instruction.
For win and mac.

Snd – complete sound editor. It currently runs on nearly all Unix-based systems, including Mac OSX and Cygwin. It might even run on others if the GUI support is omitted. It allows 3D sonograms.

Sonic Visualiser – The aim of Sonic Visualiser is to be the first program you reach for when want to study a musical recording rather than simply listen to it.
As well as a number of features designed to make exploring audio data as revealing and fun as possible, Sonic Visualiser also has powerful annotation capabilities to help you to describe what you find, and the ability to run automated annotation and analysis plugins in the Vamp analysis plugin format – as well as applying standard audio effects.
Sonic Visualiser will be of particular interest to musicologists, archivists, signal-processing researchers and anyone else looking for a friendly way to take a look at what lies inside the audio file.for linux, OS/X, and win.

Sonogram Visible Speech – Sonogram has been programmed at the German Research Center for Artificial Intelligence (Deutsches Forschungszentrum fuer Kuenstliche Intelligenz DFKI, www.dfki.de), and is a 3D tool (it needs Java3D) to analyze speech and sound signals with FFT.
For win, mac and linux.
To download Java 3D you click here and select your platform.

Speech Tools – You can use Speech Analyzer to do the following tasks:
perform fundamental frequency, spectrographic and spectral analysis, and duration measurements, add phonemic, orthographic, tone, and gloss transcriptions to phonetic transcriptions in an interlinear format, perform ethnomusicological analysis of music recordings, use slowed playback, repeat loops and overlays to assist with perception and mimicry of sounds for language learning.
It is very useful to formants analysis.
I think only for win.

Visual Analyser – It is a complete professional real time software, transform your PC in a complete set of instruments; no new hardware necessary (you can use the Sound Card of your PC) or you can use a specific external hardware.
Only for win.

ZynAddSubFX – It is a open source software synthesizer capable of making a countless number of instruments, from some common heared from expensive hardware to interesting sounds that you’ll boost to an amazing universe of sounds.
An incredible synth software (not only), for win and linux.

Wave Editor – Fast and easy digital audio editing software for Windows. It provides powerful and user-friendly editing environment which suits beginners especially and perform basic editing capabilities like: cut, copy, paste and delete parts of recording.


Wave Surfer – It is an Open Source tool for sound visualization and manipulation. It has been designed to suit both novice and advanced users. WaveSurfer has a simple and logical user interface that provides functionality in an intuitive way and which can be adapted to different tasks. It can be used as a stand-alone tool for a wide range of tasks in speech research and education. Typical applications are speech/sound analysis and sound annotation/transcription. WaveSurfer can also serve as a platform for more advanced/specialized applications. This is accomplished either through extending the WaveSurfer application with new custom plug-ins or by embedding WaveSurfer visualization components in other applications.
For win, linux, and mac.

To finish, at the moment, this is a great list of free virtual synthesizers, VST, sequencers, emulations, … but perhaps all for win, but I am sure that some works on mac and linux too:

http://lesitedeburnie.free.fr/lalistedeburnie1-en.html

Enjoy!!

Cos’è che non va in Windows Vista?

Il nuovo sistema operativo Windows Vista di Microsoft è un enorme passo indietro per la libertà dell’utente.

Generalmente il software consente di fare di più con il proprio computer. Vista, invece, è progettato per limitare ciò che l’utente può fare.

Queste le prime parole tratte da una sezione del sito www.no1984.org (segnalato da MGblog).

Preoccupante? Eccome!

Se volete leggete qui e qua.

S.N.O.W

S.N.O.W. – Sound, Noise & Other Waves – è il nome ufficiale del duo strumentale costituito da:

Federico Mosconi: electric guitar, sound effect processing
Mauro Graziani: Max/MSP laptop, keyboard

snow.png

Da qualche giorno è reperibile il loro primo CD-audio virtuale proprio qui.

Non è facile definire l’ambito musicale e sonoro in cui operano, nel senso che non sono riconducibili a nessun altro stile o artista, ed è ovviamente un complimento.

Secondo me i due aspetti più interessanti sono l’utilizzo della chitarra elettrica, raramente utilizzata in ambito colto-elettroacustico – a parte gli antichi sperimentalismi di Fred Frith e qualche altro – e l’elaborazione praticamente estemporanea e in tempo reale operata grazie al Max/MSP di Graziani e agli effetti digitali di Mosconi.

Cliccando sulle lettere S. e W. oppure su N. e O. apriremo rispettivamente una sorta di concept-cover in stile Max-patch parzialmente interagibile – le frecce colorate a mò di PLAY (probabilmente è una delle patch utilizzate in qualche composizione, si intravvedono banchi di filtri, delay e altre belle cosette) – e una pagina con pensiero artistico del duo ed elenco dei sei brani, per ora ascoltabili esclusivamente in streaming, e dei quali preferisco And then the rain.

Ribadisco una loro raccomandazione, evitate la diffusione con componenti di scarsa qualità.

SoundCopy per Win

clipped from www.measureandconvert.com

SoundCopy enables you to record, save, playback and compress voice, music and other sound. Recording time is limited only by the amount of hard disk space
available. SoundCopy can receive input from CD, the Internet (audio files you’ve downloaded or streaming audio), microphone, cassette player or any other line-in
source. You can use SoundCopy for recording meetings, conversations and dictation. You can use it to make digital back-ups of your audio tapes. You can set it to automatically record a radio program when you’re not there – the possibilities are endless.

 

 

Ecco il link al sito, con tutte le spiegazioni del caso.

 

 

Madde e le formanti vocali

Trovo questo software semplicemente fantastico.
Se voglio giochicchiare con le formanti per sentire quanto il loro cambiamento possa influire sulla produzione delle vocali, non c’è di meglio.
Prima di dare un’occhiata al clip che ho realizzato, sono doverose alcune chiarificazioni:

  • formante = concentrazione di energia in una banda frequenziale comprendente una o più componenti armoniche
  • Q = parametro variabile relativo a un intervallo frequenziale – campana – che ne indica “visivamente” la larghezza
by hyperphysics

Alcuni aspetti interessanti della struttura formantica:

  • le prime due formanti contengono sufficienti informazioni affinchè il nostro sistema di audio-codifica identifichi e classifichi un timbro vocalico, ma non nella sua qualità
  • ciascuna delle 7 vocali della lingua italiana prevede almeno 5 formanti, situate in zone frequenziali ben precise
  • la frequenza della prima formante F1 è in relazione con l’ampiezza dell’apertura della bocca
  • la frequenza della seconda formante F2 è determinata dalle diverse posizioni della lingua
by Mauro Uberti

In quest’altra immagine abbiamo una chiara visione spettrografica di F1 e F2 e loro variazioni per ciascuna vocale:

Il commento di Mauro Uberti all’immagine precedente:

le sette vocali della lingua italiana sintetizzate per chiarezza di esposizione come se fossero cantate da un basso sulla stessa nota fa1 (= 87,30 Hz): in alto lo spettrogramma dell’esempio vocale; nella colonna sinistra gli schemi degli atteggiamenti articolatori, ricavati da radiografie; nella colonna destra gli spettri delle sette vocali. Nello spettro di ogni vocale si riconoscono facilmente i gruppi di armonici dall’aspetto di picchi montagnosi, chiamati “formanti”. Nello spettrogramma le stesse formanti appaiono come annerimento degli stessi gruppi di armonici.

 

Immagine a sinistra:

sono raffigurate le frequenze delle prime due formanti di tutte e 7 le vocali, con relativo assetto del tratto vocale.

La cosa interessante è che per ogni vocale la posizione delle formanti non cambia pur variando la frequenza che si sta emettendo.

Ciò che fa la differenza è la diversa quantità di informazioni contenute in ciascuna formante; nella figura qui sotto si nota come emettendo la stessa vocale <a> su frequenze diverse si determinino identiche formanti ciascuna con una quantità diversa di componenti armoniche. Ciò avviene in quanto aumentando la frequenza, il primo armonico si sposta visivamente verso destra, e così tutti gli armonici successivi, che sono suoi multipli interi.

Questo è anche uno dei motivi per cui facciamo più fatica a notare differenze timbriche tra due soprani piuttosto che tra due bassi.

Tornando alla figura di sinistra, Mauro Uberti fa notare una cosa molto interessante: il picco della prima formante aumenta di frequenza dalla <i> fino alla <a>, per poi decrescere e tornare alla posizione di partenza dalla <a> alla <u>.

Il motivo è semplice quanto affascinante: F1 (prima formante) è in relazione anche con l’ampiezza della cavità faringea (dietro la lingua per intenderci), che in effetti, osservando la figura, prima diminuisce e in seguito aumenta.

Idem dicasi per le posizioni di F2 che si posiziona attorno ai 2700 nella <i> (cavità buccale piccola) e man mano scende fino ai 700 Hz nella <u> (cavità buccale ampia).

 

 

 

 

 

 

 

 

Per contro è interessante notare, come già menzionato, come al variare della frequenza di una medesima vocale le formanti cadano sempre nelle medesime bande frequenziali:

1143.jpg

Graficamente vi è un modo molto semplice per coordinare l’azione delle prime due formanti F1 e F2 il cui rapporto determinerà le diverse vocali, ovvero si prende un piano cartesiano e sull’asse x si dispongono le frequenze di F1 e sull’asse y le frequenze di F2, in questa maniera:

f1-f2.png

ho cerchiato in rosso molto approssimativamente le coordinate delle prime due formanti, nel senso che ad esempio la vocale <è> emessa da voce liricamente ben impostata potrebbe risultare come F1=600 Hz e F2=1500 Hz.

Risulta essere quindi una traccia molto indicativa utile soprattutto per sperimentare con il sopracitato software gratuito del geniale Svante Granqvist, che potete scaricare liberamente qui, purtroppo solo per win.

Vediamo solamente alcune funzioni di base:

madde.png

  • Cliccando sul triangolino grigio sulla barra degli strumenti avvio il synth vocale
  • cliccando sulla tastiera musicale cambio frequenza
  • sotto la barra degli strumenti posso selezionare le formanti che mi interessano (max 6)
  • ancora sotto posso cambiare il parametro Q per ogni formante (l’ampiezza della base del picco montagnoso)
  • sulla destra trovo il quadro degli armonici, l’ampiezza dei quali è modificabile by clicking

Cliccando su Settings/Show F1F2 map… si aprirà una finestra con rappresentazione cartesiana delle prime due formanti, sulla quale andrò a cliccare col tasto sinistro del mouse per modificare i valori di F1 e F2 e sentire le diverse vocali. Ecco il video, nel quale ho inserito solo alcune operazioni principali, per il resto lascio alla sperimentazione più totale.

Se in più scarico anche RTSect e lo avvio insieme a Madde, posso visualizzare in tempo reale un sonogramma con le variazioni formantiche.

.

.

Madde e i formanti vocali

Trovo questo software semplicemente fantastico.

Se voglio giochicchiare con i formanti per sentire quanto il loro cambiamento influisce sulle vocali, non c’è di meglio.

Prima di dare un’occhiata al clip che ho realizzato, sono doverose alcune chiarificazioni:

  • formante = concentrazione di energia in una banda frequenziale comprendente una o più componenti armoniche
  • Q = parametro variabile relativo a un intervallo frequenziale – campana – che ne indica visivamente la larghezza

 

fantvowred.gif

 

Alcuni aspetti interessanti della struttura formantica:

  • i primi due formanti contengono sufficienti informazioni affinchè il nostro sistema di audio-codifica identifichi e classifichi un timbro vocalico

  • ciascuna delle 7 vocali della lingua italiana prevede almeno 5 formanti, situati in zone frequenziali ben precise

  • la frequenza del primo formante F1 è in relazione con l’ampiezza dell’apertura della bocca
  • la frequenza del secondo formante F2 è determinata dalle diverse posizioni della lingua

Diamo ora un’occhiata a questa immagine:

vocali.jpg

sono raffigurate le frequenze dei primi due formanti di tutte e 7 le vocali, con relativo assetto del tratto vocale.

La cosa interessante è che per ogni vocale la posizione dei formanti non cambia pur variando la frequenza che si sta emettendo.vowp.gif

Ciò che fa la differenza è la diversa quantità di informazioni contenute in ciascun formante; nella figura qui a destra si nota come emettendo la stessa vocale <a> su frequenze diverse si determinino identici formanti ciascuno con una quantità diversa di componenti armoniche. Ciò avviene in quanto aumentando la frequenza, il primo armonico si sposta visivamente verso destra, e così tutti gli armonici successivi, che sono suoi multipli interi.

Questo è anche uno dei motivi per cui facciamo più fatica a notare differenze timbriche tra due soprani piuttosto che tra due bassi.

 

 

Tornando alla figura di sinistra, Mauro Uberti fa notare una cosa molto interessante: il picco del primo formante aumenta di frequenza dalla <i> fino alla <a>, per poi decrescere e tornare alla posizione di partenza dalla <a> alla <u>.

Il motivo è semplice quanto affascinante: F1 (primo formante) è in relazione anche con l’ampiezza della cavità faringea (dietro la lingua per intenderci), che in effetti, osservando la figura, prima diminuisce e in seguito aumenta.

Idem dicasi per le posizioni di F2 che si posiziona attorno ai 2700 nella <i> (cavità buccale piccola) e man mano scende fino ai 700 Hz nella <u> (cavità buccale ampia).

 

In quest’altra immagine abbiamo una chiara visione spettrografica di F1 e F2 e loro variazioni per ciascuna vocale:

1142.jpg

 

 

 

 

Uberti: le sette vocali della lingua italiana sintetizzate per chiarezza di esposizione come se fossero cantate da un basso sulla stessa nota fa1 (= 87,30 Hz): in alto lo spettrogramma dell’esempio vocale; nella colonna sinistra gli schemi degli atteggiamenti articolatori, ricavati da radiografie; nella colonna destra gli spettri delle sette vocali.

Nello spettro di ogni vocale si riconoscono facilmente i gruppi di armonici dall’aspetto di picchi montagnosi, chiamati “formanti”.

Nello spettrogramma le stesse formanti appaiono come annerimento degli stessi gruppi di armonici.

 

 

 

 

 

Per contro è interessante notare, come già menzionato, come al variare della frequenza di una medesima vocale i formanti cadano sempre nelle medesime bande frequenziali:

 

1143.jpg

 

Graficamente vi è un modo molto semplice per coordinare l’azione dei primi due formanti F1 e F2 il cui rapporto determinerà le diverse vocali, ovvero si prende un piano cartesiano e sull’asse x si dispongono le frequenze di F1 e sull’asse y le frequenze di F2, in questa maniera:

 

f1-f2.png

 

ho cerchiato in rosso molto approssimativamente le coordinate dei primi due formanti, nel senso che ad esempio la vocale <è> emessa da voce liricamente ben impostata potrebbe risultare come F1=1400 Hz e F2=1500 Hz.

Risulta essere quindi una traccia molto indicativa utile soprattutto per sperimentare con il sopracitato software gratuito del geniale Svante Granqvist, che potete scaricare liberamente qui, purtroppo solo per win.

Vediamo solamente alcune funzioni di base:

madde.png

  • Cliccando sul triangolino grigio sulla barra degli strumenti avvio il synth vocale
  • cliccando sulla tastiera musicale cambio frequenza
  • sotto la barra degli strumenti posso selezionare i formanti che mi interessano (max 6)
  • ancora sotto posso cambiare il parametro Q per ogni formante (l’ampiezza della base del picco montagnoso)
  • sulla destra trovo il quadro degli armonici, l’ampiezza dei quali è modificabile by click

Cliccando su Settings/Show F1F2 map… si aprirà una finestra con rappresentazione cartesiana dei primi due formanti, sulla quale andrò a cliccare col tasto sinistro del mouse per modificare i valori di F1 e F2 e sentire le diverse vocali.

Ecco il video, nel quale ho inserito solo alcune operazioni principali, per il resto lascio alla sperimentazione più totale.

 

 

Dimenticavo, se scarico anche RTSect e lo avvio insieme a Madde, posso visualizzare in tempo reale un sonogramma con le variazioni formantiche.